Come i dubbi di Skeeter

Capolinea, Lù. Tocchi il fondo..e dopo ancora il fondo del fondo. Il triplo fondo, ‘nsomma..come le pentole in acciaio inox. Riparti da zero, cadi, sei a terra, nessun appoggio, nessuna certezza, nessun appiglio, niente a cui aggrapparsi, sei solo..non di fronte ad un bivio, ma di fronte a te stesso. Non possiedi niente..tranne quella ottima […]

Leggi tutto "Come i dubbi di Skeeter"

Chissà come si vede da casa

Lo spettacolo che sa offrire la natura, in tutta la sua autenticità, è sublime, nell’ampiezza più estesa di questa accezione, ovvero meraviglioso da un lato..e spaventoso dall’altro. Esatto, come un esplosivo evento geofisico. Esiste miracolosamente un piccolo spazio nel mio cuore, chissà come, indenne da quella saturazione di dolore..non scalfito dal massimo valore assoluto di […]

Leggi tutto "Chissà come si vede da casa"

CoincidEnza

Su quelle quattro ruote viaggiava un sogno, una speranza, una visione, in quel trabiccolo sul quale gravava la presenza d’ogni sorta di pensiero gentile, dal copriletto al pandoro al mandarino, dal maglione di lana alla cassetta d’arance, veniva custodito un desiderio…intenso e delicato. Quello di una vita migliore. Quello di ritrovare un abbraccio intriso di […]

Leggi tutto "CoincidEnza"

Come Whatever May

La stagione fredda da noi è così. Resta in dormiveglia per molto tempo, poi all’improvviso, in un giorno qualsiasi di Novembre, decide di arrivare. L’aria si raffredda. L’area degli strumenti del photoshop in confronto è il paese dei balocchi. La realtà che vivo è un quadro nel quale la presenza del grigio è preponderante ed […]

Leggi tutto "Come Whatever May"

Ubi dolor ibi vigiles

Il tempo uggioso di oggi è buono solo a mettermi in guardia su potenziali malanni che potrei beccare in modo assolutamente improvviso e soprattutto controvoglia. Ne ho timore? Bene, allora è già successo. IneLùttabile assioma dell’esistenza. Non è che ci sono gocce da sentire picchettare sul tettuccio a spiovente della mansarda, oppure vetri sui quali […]

Leggi tutto "Ubi dolor ibi vigiles"

My remedy, my clarity. EoT.

Ore 20:30. Meno di 3 ore al black-out. E’ misterioso come tra gli Spurs e i Miami Heat ogni partita faccia storia a sè. Se non altro ci guadagna lo spettacolo, il problema è che la mia testa era altrove e così non mi piace godermi i programmi televisivi. E’ come quando ho voglia di […]

Leggi tutto "My remedy, my clarity. EoT."

Darkened, private waiting room

Cosa sono questi contorni sfocati? Cos’è questa opacità onnipresente, imperante? Perché riesco a percepire questa oscurità che mi circonda? Cos’è questo buio? Perché non riesco ad orientarmi? Io…che possiedo un innato senso dell’orientamento. Perché? Forse perché il buio e l’attesa possiedono lo stesso colore. E’ una lama che squarcia il mio petto e che resta […]

Leggi tutto "Darkened, private waiting room"

Il cuore a vela

E’ inutile. Tutto così inutile. Osservare e scrutare, strappare un timido istante di vita vissuta solo per constatare che la causa di repressione di un desiderio è la sua stessa debolezza. Mi tremano le gambe, mi trema la voce. Adesso sorrido. A volte riesco persino ad assistere dall’esterno ad una delle mie preghiere quotidiane. Non […]

Leggi tutto "Il cuore a vela"

La frustrazione dei mattoncini Lego

Quanto è difficile nascondere le tue emozioni a chi ti vuol bene. Inevitabilmente i tuoi occhi mentono..e quando non sono loro a doverti fare da specchio, anche il tuo animo, nero e desensibilizzato dai valori, è permeabile dall’intuito di chi sa come scavalcare determinate, familiari barriere..ed è un esercizio piuttosto meschino doversi abituare a questo […]

Leggi tutto "La frustrazione dei mattoncini Lego"