Inglorious Mustards

Adoro la doppia consistenza dello yogurt greco. Ora, per un occasionale viandante che vaga a zonzo tra le mal intersecate trazzere dell’agglomerato urbano dei miei neuroni, tutto ció potrà apparire come una coincidenza, MA…. Esatto, esiste sempre un “MA“. Ed è su questo “ma” che perde l’equilibrio il bisonte, che si disorienta l’antilope, che al […]

Leggi tutto "Inglorious Mustards"

Il pensiero antitetanico

Ho terminato le risorse, le ho terminate davvero. Dovrò cercarmi un posto tra le panchine della stazione..e ripenserò al tempo in cui meditavo sul mio tetto. Quando trovavo il tempo per riflettere, sul divano o meglio ancora sulle tegole, mi chiedevo spesso se riuscivo davvero nell’intento di imparare ogni giorno e avrei desiderato tanto che […]

Leggi tutto "Il pensiero antitetanico"

Yellowarrior

Le panchine grigie erano verdi una volta. Cosa ha mutàto il loro aspetto esteriore, la noia o l’attesa? Questa città ha bisogno di pioggia, e la pioggia non tarda a giungere. Se cammini distratto, di certo non ti accorgi della differenza tra una risata ed un pianto. Questa cittá allora ha bisogno di poesia, e […]

Leggi tutto "Yellowarrior"

La lùna si desta con te

Ricoperto, Mottarello, Pinguino, Cremino… erano questi i nomi dei prototipi del gelato da passeggio nato nell’immediato dopoguerra e supportato da uno stecco di legno…gusto crema e copertura assortita, tipo…al limone, guai a prenderlo al pistacchio, non sia mai. Era il 1964 nel mio sogno e ne stavo assaporando uno in compagnia di Stefania Sandrelli. Quella […]

Leggi tutto "La lùna si desta con te"